SPIAGGE
Come arrivare
Parcheggi
Comportamenti e Normative
TEMPO LIBERO
Ristoranti, Pizzerie, Trattorie
Locali, Circoli, Bar
STRUTTURE RICETTIVE
Alberghi
Agriturismi, Affittacamere, Bed & breakfast
Pesca sportiva
AZIENDE
Abbigliamento
Ceramica, pavimenti e rivestimenti
Edilizia
Fiori e piante
METEO
FESTE TRADIZIONALI
ESTATE VECCHIANESE
Cinema sotto le stelle
Rassegna Teatrale
Vecchiano "Spazio minori"


Uno spazio attrezzato è a disposizione di chi voglia godere la propria permanenza al mare con tutti i comfort. Due stabilimenti, ristrutturati di fresco, offrono musica, cibo, bevande, giochi ed intrattenimenti vari a pochi metri dalla spiaggia. Un capiente parcheggio a disposizione dei villeggianti in automobile completa l'offerta turistica di Marina di Vecchiano.
Il litorale è lungo cinquemila metri ed è delimitato a sud dalla foce del fiume Serchio e, a nord, da Torre del Lago; oggi questo tratto di arenile è uno dei pochi lembi di spiaggia italiana rimasta incontaminata. Qui si può osservare un ecosistema di rara bellezza: il sistema dunale, caratterizzato dai rilievi dunali, dalle depressioni interdunali e dalla vegetazione pioniera che consolida il tutto, fronteggiando con vigore i venti marini.
Il frequentatore della spiaggia per eccellenza è, in estate, "l’uomo", in inverno il fratino, un simpatico uccello che è solito passeggiare tranquillo sulla battigia, laddove si infrangono le onde. A distanza si riesce a scorgere anche il beccapesci che, dopo l’abituale tuffo, riemerge dalle acque, spiccando il volo con la preda nel becco.

Verso l’interno si sconfina nella pineta di Migliarino, dove si ripetono gli alti e i bassi dunali, che qui prendono il nome rispettivamente di cotoni e lame.

I cotoni ospitano il leccio e il pino domestico (specie introdotta dall’uomo). Le lame, in inverno inondate dalle acque, sono colonizzate da specie igrofile quali il pioppo, il frassino, l’ontano e il cipresso calvo d’America, che, con le sue radici emergenti dalle acque, dà un aspetto veramente singolare all’ambiente.

Nemmeno al più distratto osservatore possono sfuggire le tracce dei padroni di questi luoghi: i fori nei tronchi degli alberi, marcati dal tambureggiare del picchio rosso maggiore, e il terreno scavato e "arruffato" dal cinghiale, l’ungulato più diffuso in Italia.

COMUNE DI VECCHIANO
Territorio
Il sito del comune
La Giunta Comunale
Il Parco
Impianti sportivi
Numeri Utili
SANITA'
Guardia medica
Farmacie
Misericordia
Pubblica Assistenza
SICUREZZA
Carabinieri
Polizia
Polizia Municipale
ASSOCIAZIONI
Fotogallery
Webcam
Itinerari








Designed, Hosted and Powered by net-service Net-Service